LUBRIFICANTI FOOD GRADE, COSA DOBBIAMO SAPERE - MV Consulting

LUBRIFICANTI FOOD GRADE, COSA DOBBIAMO SAPEREFacciamo chiarezza attraverso un evento mirato con NSF Italia

In Aprile 2017 avevamo pubblicato un articolo dal nome “Linea guida sui lubrificanti food grade secondo gli standard BRCGS” dove avevamo introdotto un argomento interessante sopratutto nel contesto delle certificazioni volontarie di prodotto legate sia alle industrie alimentari che quelle dei materiali a contatto o food contact materials

La presenza di lubrificanti food grade nei processi di produzione e lavorazione di alimenti ed imballaggi è infatti un importante tema da discutere approfonditamente nella analisi dei pericoli, soprattutto dove i sistemi di produzione sono fortemente meccanizzati. In tali condizioni è necessario garantire una corretta lubrificazione delle parti in movimento dei macchinari ma parallelamente garantire la minimizzazione del rischio chimico. La necessità quindi di utilizzare lubrificanti food grade o lubrificanti ad uso alimentare diventa un requisito importante per la sicurezza alimentare.

lubrificati food grade 1 mv consulting srl

Ma cosa sono davvero i lubrificati food grade e come fare a riconoscerli correttamente?

Questo tema è di grande interesse e rappresenta spesso una area poco conosciuta da tecnici e ispettori. Spesso attraverso una schede tecnica del prodotto riusciamo a verificare correttamente se il lubrificante utilizzato è autorizzato ad essere utilizzato in “ambienti alimentari”. Tuttavia anche in questo caso le caratteristiche del lubrificante stesso sono spesso ignorate.

Un lubrificante food grade o lubrificante alimentare è un lubrificante che per sua natura o composizione finale è adatto ad essere utilizzato nelle aree di produzione di alimenti e dove la reale possibilità di contratto fra il lubrificante e l’alimento stesso rappresenta un rischio non trascurabile.

I normali lubrificanti sono composti chimici derivanti da olio minerale, non adatto a venire a contatto con l’alimento. Nei piani HACCP o HARPC (USA) tale aspetto rientra nella valutazione del pericolo chimico, il contatto fra lubrificate ed alimento infatti trasferirebbe composti di origine minerale sull’alimento stesso. E’ il caso dei moah e mosh dei quali abbiamo già parlato in un precedente articolo, pubblicato anche sul mensile del Gruppo Italiano Torrefattori di Caffè o GITC.

La classificazione dei lubrificanti food grade.

Di seguito riportiamo la classificazione adottata dal NSF International:

TABELLA DI CLASSIFICAZIONE NSF

CODICE DESCRIZIONE E CLASSIFICAZIONE
NSF H1 Accettabile come lubrificante per le applicazioni di lubrificazione e contatto accidentale con zone di trasformazione alimentare.
NSF HT1 Accettabile per essere utilizzato come un fluido di trasferimento di calore dove c’è la possibilità di contatto alimentare incidentale.
NSF 3H Accettabile per l’uso come agente di rilascio su griglie, forni, pentole, aree di disossatura, taglieri e altre superfici dure a contatto con carni rosse e carni bianche o con prodotti per impedire l’adesione degli alimenti durante la lavorazione.

Se vuoi approfondire il tema del lubrificanti food grade ti invitiamo a partecipare al corso di formazione online organizzato da MV Consulting Academy e NSF Italy.

TUTTE LE NEWS E GLI APPROFONDIMENTI SU

MV CONSULTING Linkedin e MV CONSULTING Facebook.

Fonti e riferimenti per gli aggiornamenti:

AGGIORNAMENTI NORMATIVI

Pagina Linkedin MV CONSULTING srl

Pagina Facebook MV CONSULTING srl

 NSF International

© MV CONSULTING srl – Diritti Riservati

Richiedi maggiori informazioni ai nostri consulenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Come possiamo aiutarti?

Contattaci per qualsiasi tipo di richiesta, un nostro operatore risponderà nel minor tempo possibile. Siamo lieti di aiutarti.