Decreto Legge 231Il modello organizzativo per la responsabilità amministrativa.

Il Decreto legge 231, dell’ 8 Giugno 2001 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 19 Giugno, è un documento che fa riferimento alla responsabilità amministrativa all’interno dell’azienda e prevista per gli atti illeciti ed i reati commessi dalle persone fisiche e giuridiche, imponendo loro pensanti sanzioni pecuniarie.

Questa normativa ha lo scopo di responsabilizzare le varie funzioni aziendali applicando a tutti coloro aventi personalità giuridica, fatta eccezione solo per le imprese individuali, una o più sanzioni in caso di illecito. L’attuazione di un modello organizzativo interno all’azienda che, fornisce le adeguate garanzie ed evidenze, può esentare l’azienda dalla responsabilità di impresa in caso di illeciti amministrativi.

Un moderno modello di gestione assoggettato ai requisiti del Decreto Legge 231/2001, prevede almeno i seguenti requisiti:

  • l’individuazione delle attività in cui possono essere commessi i reati
  • la gestione e controllo sui protocolli da attuare in base ai reati commessi
  • La presenza di procedure organizzative sulla gestione delle risorse finanziarie adibite alle attività soggette a rischio di illecito
  • la comunicazione e divulgazione delle regole e dei modelli interni previsti, al fine di evitare i reati
  • sanzioni pecuniarie differenti a seconda del tipo di reato commesso

Per adottare un modello organizzativo, l’azienda esegue un’attenta valutazione dei rischi di impresa e valuta l’introduzione di sistemi di monitoraggio e controllo dei parametri, compresi i codici etici.

Questi, che spesso sono denominati “Codici di comportamento” o “Regolamenti interni”, sono documenti aziendali contenenti i principi, le norme e le responsabilità dell’impresa nei confronti di tutti coloro che la compongono e spesso anche delle figure esterne con le quali l’azienda collabora.

Questi regolamenti, hanno lo scopo di limitare o vietare determinati comportamenti ed essendo documenti allegati o, per meglio dire, facenti parte del modello organizzativo stesso, la loro inosservanza, prevede sanzioni più o meno ingenti a seconda della gravità del reato commesso. Il contenuto di queste regole deve essere a conoscenza di tutti coloro che hanno o avranno rapporti diretti o indiretti con l’azienda ed essendo documenti attestanti la cultura dell’azienda stessa, devono prevedere contenuti minimi che inderogabilmente dovranno essere compresi e rispettati.

MV CONSULTING supporta le aziende nello studio e nella realizzazione del proprio modello organizzativo nonché nello sviluppo e condivisione del proprio Codice Etico aziendale al fine di prevenire i reati o casi di illeciti amministrativi.

Torna alle aree di consulenza