«

»

mag 03 2013

AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE degli stabilimenti produttivi (D.Lgs 111/92)

url AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE degli stabilimenti produttivi (D.Lgs 111/92)Amideria il Cervo s.r.l., storica azienda produttrice di amido di riso di alta qualità per il mercato Italiano e Europeo,

ha scelto MV CONSULTING per ottenere l’Autorizzazione Ministeriale del proprio stabilimento secondo i requisiti del Decreto 111/1992 e successivo Decreto 131/1998.

Se però consideriamo la natura del prodotto Amido di riso, una domanda lecita è:

é possibile certificare uno stabilimento secondo quanto previsto dal Decreto 111/1992, per essendo il prodotto naturalmente privo di glutine?   La risposta è SI.

L’amido di riso deriva da un processo industriale nel quale concorrono oltre che il riso, anche alcuni additivi e coadiuvanti tecnologici.

Tale processo produttivo essendo caratterizzato da differenti lavorazioni eseguite in successione, è a tutti gli effetti una produzione di generi alimentari che, quindi, può essere eseguita con lo scopo di creare alimenti destinati ad alimentazioni particolari, come previsto dal Decreto 111/1992.

Forte dell’esperienza maturata nel settore degli alimenti senza glutine, MV CONSULTING fornirà il supporto necessario e la propria competenza per le attività di:

- Reperimento della documentazione richiesta dal Decreto 111/1992.

- Implementazione del sistema di gestione qualità e sicurezza alimentare.

- Definizione dei layout produttivi nel rispetto delle normative sull’igiene degli alimenti (Regolamento 852/2004)

- Definizione dei limiti critici e procedure di controllo e verifica.

- Presentazione dei documenti all’Organismo di Controllo Ufficiale.

- Supporto per l’ispezione di accertamento requisiti.

Il progetto, che vede la collaborazione del personale interno all’azienda, con lo scopo di ridurre i costi finali, vedrà l’integrazione dei requisiti previsti da più normative cogenti, tra cui si citano:

- Decreto 111/1992 e Decreto 131/1998;

- Regolamento 852/2004 sull’igiene degli alimenti;

- Regolamento 178/2002 sulla sicurezza alimentare;

- Regolamento 1995/2004 riguardante i materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari;

Lo scopo finale è quello di creare un unico Manuale HACCP che condensi e ottemperi a tutti i requisiti normativi cogenti, mantenendo al contempo una struttura flessibile e di facile consultazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *